Gli olii essenziali sono miscele di sostanze volatili di origine naturale, che hanno una struttura terpenica. Le proprietà caratteristiche di ogni olio essenziale variano in relazione ai componenti che lo costituiscono.

Quali sono le caratteristiche degli olii essenziali

Chimicamente gli olii essenziali sono dotati di alcune caratteristiche comuni, e precisamente:

  • complessità nella composizione, che nella maggior parte dei casi è costituita da sostanze con un basso peso molecolare;
  • elevata volatilità;
  • derivazione da specifiche parti vegetali che determinano le loro proprietà organolettiche;
  • potenziale attività antimicrobica.


In base alle differenti caratteristiche tipiche di ciascuno di questi composti, gli olii essenziali si possono suddividere in base alla modalità di estrazione. Per definire il metodo estrattivo più idoneo al composto, è necessario conoscere quale parte della pianta è coinvolta nella sua produzione. Solitamente le essenze sono estratte dalla pianta fresca, per spremitura o per distillazione, due metodi che garantiscono la massima efficienza dei prodotti finali.

Quali sono le proprietà degli olii essenziali

Gli olii essenziali sono sostanze che vengono classificate in alcuni casi come prodotti cosmetici, in altri casi come principi fitoterapici.
Infatti in base alle loro specifiche proprietà vengono impiegati a livello cutaneo, per bagni cosmetici, per massaggi o per uso topico.
Come principi fitoterapici trovano largo impiego nella cura di alcuni disturbi, venendo impiegati in aromaterapia oppure per inalazione.

Sul sistema nervoso centrale sono in grado di modificare il tono dell’umore in seguito alla percezione olfattiva delle sostanze volatili delle essenze.
A livello dell’apparato digerente, stimolano la produzione del succo gastrico sempre in seguito alla percezione olfattiva, inoltre incrementano la produzione di saliva della mucosa orale.
Sull’apparato urinario, alcuni olii essenziali incentivano il processo di filtrazione renale, aumentando la diuresi.
Sull’apparato respiratorio le essenze estratte da molti vegetali trovano largo impiego come espettoranti, antitosse ed antinfiammatori.
Un tipico esempio è l’eucaliptolo, che viene impiegato nella produzione di numerosi preparati farmaceutici che facilitano la respirazione in caso di sindromi influenzali.
I fitofarmaci a base di eucaliptolo sono utilizzati anche per massaggi nella zona della schiena.

Olii essenziali

Come usare gli olii essenziali

Per diffusione

Un uso molto comune degli olii essenziali è quello che prevede l’impiego di un diffusore, che profuma l’ambiente consentendo di inalare i principi attivi dei composti attraverso l’attività respiratoria.

Per inalazione

In questo caso, alcune gocce di olio essenziale vengono messe in acqua bollente ed inalate; si tratta di un meccanismo analogo a quello prodotto dall’aerosol, che permette di liberare le prime vie respiratorie dalle secrezioni catarrali.

Applicazione topica

Applicando poche gocce di olio sulla pelle ed effettuando un leggero massaggio, si ottengono effetti benefici in seguito all’assorbimento del prodotto a livello dell’epidermide. Fare massaggi con gli olii essenziali è una pratica molto diffusa, le cui modalità vengono trattate anche da Z-Salute.com.

Per via orale

Per via orale gli olii essenziali vengono assunti soltanto in rari casi, e comunque sotto il controllo di un esperto, in quanto possono determinare effetti collaterali di una certa gravità.

Nell’idromassaggio

Aggiungendo alcune gocce di olio essenziale nella vasca per idromassaggio si ottengono effetti cosmetici molto evidenti in quanto il calore dell’acqua ed il suo continuo movimento contribuiscono a facilitare la penetrazione delle molecole nelle cellule cutanee.

Altri usi degli olii essenziali sono relativi alla repellenza; l’olio essenziale di geranio o di citronella allontanano efficacemente le zanzare.
Aggiungendo alcune gocce di questi composti alla vaschetta della lavatrice, si può ottenere una piacevole profumazione degli indumenti.

Che cosa si intende per aromaterapia

L’aromaterapia è una pratica medica che consiste nella cura mediante olii essenziali. Si tratta di un trattamento olistico che prevede un miglioramento dello stato di salute complessivo dell’individuo mediante l’assunzione di olii essenziali specifici e scelti da un professionista.
In ambito aromaterapeutico, risulta di fondamentale importanza la conoscenza anatomica e fisiologica del paziente per poter stabilire l’esatto preparato di cui ha bisogno.
Questo trattamento si configura come una valida alternativa alle terapie tradizionali, e viene consigliato tutte le volte in cui i farmaci non sortiscono effetto, oppure provocano dannose conseguenze.
Non sempre è possibile servirsi dell’aromaterapia poiché non tutti i disturbi sono curabili tramite questa modalità.

Concludendo si può dire che gli olii essenziali sono costituiti da essenze profumate estremamente concentrate che stimolano le cellule della mucosa olfattiva innescando una serie di reazioni metaboliche dell’organismo, finalizzate a migliorare il suo stato generale di benessere.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.